Andrew Schwartz e colleghi dell’Università di Pittsburgh hanno compiuto un vero e proprio salto in avanti nella comprensione di come il cervello opera, utilizzando un’interfaccia robotica-cerebrale. Nel loro studio sono stati capaci di fare muovere un braccio meccanico con il pensiero di una scimmia.

Una piccola sonda è stata impiantata nella corteccia motoria primaria dell’animale, la regione del cervello che controlla i movimenti. Un particolare software invece è stato usato per interpretare gli impulsi elettrici del cervello e tradurli in movimento attraverso un braccio robotico. Il braccio possedeva delle articolazioni simili a quelle umane e all’estremità era collocata una pinza che mimava la funzione di una mano.

Vodpod videos no longer available.

Dopo un breve periodo di allenamento due scimmie alle quali era stato bloccato un braccio erano in grado di utilizzare perfettamente quello meccanico afferrando caramelle e pezzi di frutta che poi portavano con successo fino alla bocca (vedi il filmato).

I ricercatori sostengono che i movimenti del braccio meccanico erano diventati cosi fluidi da sembrare quasi naturali. Le scimmie erano in grado di modulare direzione e velocità del braccio come se fosse diventato parte del loro corpo.

«Nella nostra ricerca abbiamo dimostrato un alto livello di precisione, abilità e velocità di apprendimento», ha spiegato Schwarz. «Le scimmie erano in grado di apprendere osservando i primi movimenti del braccio, i quali attivavano le cellule cerebrali proprio come se fossero loro stessi a compiere le azioni. Un po’ come avviene nella pratica sportiva dove gli atleti devono prima immaginare il movimento che desiderano eseguire».

Secondo i ricercatori futuri studi renderanno possibile lo sviluppo di protesi meccaniche per persone con lesioni al midollo spinale o con arti amputati. Basterà collegare la sonda della protesi nei giusti punti del cervello e dotarla di un software adatto a interpretare i segnali cerebrali. Il futuro non è poi così lontano.

Fonte: Nature


E TU COSA NE PENSI?

  1. Secondo te è giusto utilizzare gli animali in questi esperimenti?
  2. Tra qualche tempo inizieremo davvero a incontrare per la strada persone con protesi meccaniche comandate con il pensiero proprio come avviene nei film di fantascienza?