Nigel Raine e colleghi del Queen Mary, University of London, Inghilterra, hanno osservato il comportamento delle api per verificare l’efficacia del “Profilo geografico” (GP), una tecnica utilizzata dalla polizia per individuare l’ubicazione dei delinquenti seriali.

Normalmente queste persone compiono i loro crimini vicino a dove risiedono, ma al di là di una “zona cuscinetto” che permette loro di non essere riconosciuti da eventuali testimoni

Ape su un fiore (Fonte: maine.gov)

La cosa interessante è che anche le api si comportano in maniera simile. Raccolgono il nettare dai fiori posti nelle vicinanze del loro nido, ma a una distanza di sicurezza sufficiente per evitare che il nido stesso e la loro regina vengano scoperti da eventuali predatori.

I ricercatori hanno quindi etichettato alcune api e ne hanno monitorato gli spostamenti in un campo di fiori contenenti nettare artificiale. Confrontando la localizzazione dei fiori utilizzati dalle api i ricercatori sono stati in grado di localizzare il nido, confermando quindi, almeno per le api, la validità della tecnica del “Profilo geografico”.

Lo studio è stato pubblicato recentemente sul Journal of the Royal Society Interface.

Fonte: Journal of the Royal Society Interface